Salò - ESDRICCUS

(ESDR)ISIO UES(UMI)

(E)SDRICCUS

(U)ESUMUS ET STAI(US)

SAECILLUS  FILII

 

A Esdrisio (figlio di) Vesumo

i figli Esricco Vesumo e Staio Secillo

(fecero il monumento sepolcrale)

 cippo sepolcrale rinvenuto nella necropoli del Lugone a Salò,  I secolo d.C.

Sia il dedicatario che i dedicanti portano cognomina di origine celtica. Il nome Esdriccus è un diminutivo di Esdrus o Esdrius: questo adattamento testimonia il tentativo di dare al proprio nome personale il carattere di gentilizio romano. Diffuso era l’uso di due cognomina nelle persone che non avevano conseguito la cittadinanza romana: il figlio primogenito Esdriccus Vesumus rinnova nei due cognomina il nome del padre e dell’avo paterno, mentre il secondogenito Staius Saecillus riprende il nome della madre e dell’avo materno. Si può concludere che sia il padre che i figli, non possedendo l’onomastica tipica del cittadino romano e non risultando iscritti alla tribus Fabia di Brescia, siano da ritenere non ancora cittadini romani.

Categoria: