Storia delle ricerche

A partire dal Gruppo Grotte per poi passare all’Istituzione una delle caratteristiche principali del Museo di Gavardo è stata la sua tradizione di ricerca archeologica sul territorio, spesso in collaborazione con Soprintendenza e Università.

Buco del Frate (1954, 1970)

Grotta del Coalghés (1955)

Colle San Martino (1960)

Cùei de Baratù (1962-1964)

Monte Covolo (1972-1999)

Vobarno- via Goisis (1971-1973)

Monte Covolo – santuario sommitale (1974)

Lucone di Polpenazze (1965-1986)

Lugone di Salò (1958, 1961-62, 1972-76)

Corna Nibbia di Bione (2000-2010)

Dos de la Rocchetta – Rasine (2004-2005, 2010)